La storia di Crisafulli, ottico a Milano

Studio estetico dell’occhiale.

Questo è la scritta che accoglie i visitatori all’ingresso della boutique Ottica Crisafulli Eyewear.

La frase descrive al meglio il servizio della boutique: non un ottico come gli altri ma un luogo dove, attraverso un’attenta consulenza di immagine, le persone possono trovare gli occhiali e le lenti più adatte al proprio viso e al proprio stile di vita. Così Sebastiano Crisafulli, fondatore di Ottica Crisafulli, racconta gli esordi della sua lunga carriera:

Studio estetico dell’occhiale è una licenza che mi è stata consegnata dal Comune di Milano nel marzo del 1969, quando ho aperto in Galleria del Corso il negozio oggi gestito da mio figlio Fabrizio.

Sebastiano oggi ha 80 anni. Ha iniziato a occuparsi di ottica giovanissimo.

Era il 1952, avevo 17 anni. Ero apprendista da un gioielliere a Velletri che vendeva anche occhiali. Così ho iniziato a lavorare con gli occhiali e le lenti.

Erano altri tempi. Gli esami della vista li faceva un oculista, che veniva in gioielleria una volta alla settimana.

Le montature erano solo in metallo. Le lenti erano di vetro e venivano lavorate a mano. Il gioielliere aveva ottenuto la licenza di vendere gli occhiali dopo un veloce esame fatto non in una scuola ma presso l’azienda di Oliva, un produttore di lenti di Roma.

Sebastiano si appassiona al mondo dell’ottica.

Volevo mettermi in proprio, diventare un vero professionista indipendente. Cercando informazioni al riguardo, mi dissero che la migliore scuola di ottica, la Galileo Galilei, era a Milano. Allora mi sono trasferito qui.

Di sera studiavo, di giorno lavoravo alla Metallux, azienda che produceva lenti colorate. È facile tingere le lenti che si usano ora, fatte di resina: basta immergerle in un bagno di colore. Ma per le lenti in vetro di allora Metallux usava un procedimento complesso, che si svolgeva sotto una campana di vetro in assenza di ossigeno.

Dopo due anni di studio e lavoro Sebastiano ottiene il sospirato patentino di ottico alla Galilei.

Nell’attesa di aprire la mia attività sono andato a fare esperienza lavorando da un ottico nella periferia di Milano. Il negozio vendeva lenti e occhiali ma anche, com’era abitudine, materiale fotografico. Era già il 1963. Qualche stilista inizia, timidamente, a proporre i primi occhiali firmati. Il mercato cambia, ma lentamente.

La sospirata indipendenza arriva nel 1965 con l’apertura del primo negozio nel quartiere Giambellino.

Ero lì e nel frattempo cercavo un locale in centro. Non è stato facile.

Cercavo un posto che fosse comodo da raggiungere, da trasformare in un ambiente raccolto e familiare. Non ne trovavo. Ma non mi perdevo d’animo.

Un giorno mi hanno invitato a guardare un locale vuoto in Galleria del Corso. L’invito mi ha riempito d’orgoglio. Galleria del Corso era ed è tuttora un luogo prestigioso.

Parliamo della seconda galleria più importante dopo la Galleria Vittorio Emanuele. Qui si affacciavano ben quattro cinema di prima visione. Qui avevano e hanno tuttora sede le più importanti case discografiche di Italia: Sugar, Studio Curci e Carosello.

Insomma, la faccio breve: l’affare è andato a buon fine!

Nel marzo 1969 ho inaugurato in Galleria del Corso 4 Ottica Crisafulli: lo studio estetico dell’occhiale.

Non un comune ottico. Non ho mai voluto semplicemente vendere degli occhiali. Volevo e voglio ancora proporre alle persone occhiali adatti al loro aspetto fisico e alle esigenze della loro vita quotidiana. Sono felice che mio figlio Fabrizio (attuale amministratore di Ottica Crisafulli Eyewear) abbia proseguito la mia attività come l’avevo pensata.

Da allora la sede non è mai cambiata. Nel 2009 la boutique ottica Crisafulli ha ricevuto il Diploma con medaglia d’oro per ‘39 anni di lodevole attività

Anche la rivista “B2eyes Magazine” ha raccontato la nostra storia, leggi l’articolo!